XVII Edizione del Premio Internazionale “La Calabria nel Mondo”

Home  »  Gli eventi  »  XVII Edizione del Premio Internazionale “La Calabria nel Mondo”
Ott 15, 2008 Nessun commento ›› admin

L’orgoglio dell’appartenenza è molto forte in qualsiasi comunità. Per chi vive lontano dalla propria terra poi, riesce anche a diventare una sorta di ragione di vita. In quest’ambito rappresentano una vera e propria categoria a parte gli uomini e le donne calabresi che fanno dell’appartenenza e del legame con le proprie origini un credo forte e irrinunciabile. È merito dell’On. Peppino Accroglianò se questo sentimento si rinnova di giorno in giorno grazie alle numerose iniziative che mette in cantiere l’associazione C3 International (Centro Culturale Calabrese).

Il 15 ottobre nella sala delle Conferenze della Camera dei Deputati, a Palazzo Marini a Roma, gremita fino al limite della capienza, si è tenuta la XVII Edizione del Premio Internazionale “La Calabria nel Mondo” preceduta dal convegno “La cultura della concorrenza e lo sviluppo dell’economia” con un relatore d’eccezione, il Presidente dell’Antitrust Antonio Catricalà.

Alla pregevole manifestazione sono intervenuti il Presidente della Regione Calabria Agazio Lojero e il Sindaco di Roma Gianni Alemanno, che ha voluto salutare tutti i presenti e che è stato premiato, con una creazione unica di Gerardo Sacco, dall’On. Peppino Accroglianò, Presidente del C3 International e dal Prof. Antonio Catricalà.

Al termine della conferenza la giornalista Paola Saluzzi ha presentato il premio e le motivazioni mentre il Ministro Scajola ha premiato diciotto calabresi che si sono distinti nel loro campo, e che hanno dato lustro alle loro origini e ha consegnato un premio speciale della Presidenza della Repubblica.

Hanno ricevuto il premio: Giuseppe Abbritti, Direttore Istituto di Medicina del Lavoro – Università di Perugia, Alessandro Amarelli, Medico Chirurgo e Socio Senior Amarelli Fabbrica Liquirizia, Giuseppe Amelio, Prefetto di Novara, Domenico Arcuri, Amministratore Delegato Invitalia, Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, Antonio Azzalini, Responsabile Programmi Rai International, Pasquale Cannatelli, Amministratore Delegato Fininvest, Antonio Catania, Provveditore agli Studi di Vercelli, Gregorio Cina, Direttore Master Flebologia Chirurgica, Università Cattolica di Roma, Domenico Consoli, Presidente SNO, Scienze Neurologiche Ospedaliere, Carlo Crea, Segretario Generale dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas, Oscar Fiumara, Avvocato Generale dello Stato, Domenico Iannellli, Avvocato Generale della Suprema Corte di Cassazione, Giovanni Latorre, Rettore Università della Calabria, Anna Maria Martuccelli, Direttore Generale Associazione Nazionale Bonifiche e Irrigazioni, Antonio Migliardi, Responsabile delle Risorse Umane e Organizzazione Telecom Italia, Giuseppe Trieste, Presidente Fiaba, Vitaliano Turrà, Direttore aeroporto di Fiumicino, Vincenzo Ziparo, Preside II Facoltà di Medicina e Chirurgia Università “La Sapienza”, Premio Speciale Presidente della Repubblica al Produttore Cinematografico di Hollywood Julius R. Nasso.

Il premio consiste in una creazione d’oro e argento, realizzata da Gerardo Sacco, artista-orafo calabrese, ormai famoso in tutto il mondo, e rappresentante due pagine del “Codex Purpureus Rossanensis”, uno dei codici piu’ antichi al mondo orgogliosamente e magistralmente conservato nel Museo Diocesano di Rossano. Per coinvolgere i partecipanti sul Codex è stato invitato Mons. Ciliberti, Arcivescovo Metropolita di Catanzaro-Squillace che è intervenuto al termine della conferenza.

“Siamo Giunti alla XVII edizione del Premio – ha detto il Presidente di C3 International Peppino Accroglianò – Guardando indietro misuriamo un percorso lungo, impegnativo, ma pieno di soddisfazioni. Attraverso questa e le altre iniziative dell’Associazione cerchiamo di offrire il nostro contributo allo sviluppo della regione che amiamo. Un territorio ricco di potenzialità, ma dal quale i figli migliori sono costretti a partire. Premiamo chi ce l’ha fatta per offrire a chi resta un aiuto e una speranza in più”.

Al termine della premiazione, che ha riscontrato un successo di pubblico e un interesse oltre le aspettative, la manifestazione è proseguita nelle stupende sale del Palazzo Brancaccio, situato sul Colle Oppio presso la “Domus Aurea” dell’Imperatore Nerone.

Aiutata dalle condizioni atmosferiche, ha permesso ai partecipanti di gustare un aperitivo nei bellissimi giardini del Palazzo tra piante secolari e fontane zampillanti. Proprio per ribadire l’importanza e il piacere di essere calabresi sono stati serviti prodotti tipici che hanno riscontrato un successo enorme tra gli invitati, offerti dalla Agro alimentare Asso.

La serata e’ stata allietata dalla bellissima voce di Lisa, cantante dalle origini calabresi, che, sin dagli esordi al Festival di San Remo nel 1998, ha avuto un notevole successo di pubblico in tutt’Europa, e soprattutto in Francia.

Ma la “festa dei calabresi nel mondo” non è solo questo. E’ un modo per far conoscere tutto ciò che di bello ha la nostra stupenda regione, dai luoghi, alla cucina, alle personalità che si sono fatte largo nella vita del nostro paese dimostrando che la caparbietà, la correttezza e la laboriosità sono qualità che non si sono perse nel tempo. Tutto questo è frutto dell’alacre lavoro svolto dall’Associazione Calabresi nel Mondo che ormai opera da 25 anni, sotto la sapiente e attenta guida dell’On. Accroglianò che rappresenta il fulcro e il punto di incontro di tutti i calabresi, e simpatizzanti, che si sono incontrati durante l’evento del 15 ottobre.




Commenta