“Un poeta e il sogno della sua poesia” A Cosenza il recital dedicato a Corrado Calabro’

Home  »  Gli eventi  »  “Un poeta e il sogno della sua poesia”
Dic 18, 2008 Nessun commento ›› admin

Questa volta la poesia di Corrado Calabrò torna a casa. Giovedì 18 dicembre alle ore 21 si è tenuto a Cosenza, nella prestigiosissima cornice del Teatro Rendano, il Recital Spettacolo delle liriche scritte dal Presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni. Lo spettacolo che ha già toccato Roma, Perugia, Vercelli, Vicenza, Pesaro, Torino, Aosta, Genova e Milano oltre a Sidney, Melbourne e Varsavia, riscuotendo enorme successo di pubblico e critica, arriva in Calabria a pochi chilometri dai luoghi che hanno ispirato e continuano a nutrire i versi di Corrado Calabrò.
Parimenti uomo di lettere e di diritto, Calabrò è nato a Reggio Calabria, in una casa in riva al mare. Il mediterraneo è da sempre la fonte prediletta di ispirazione e il protagonista della sua poesia, tradotta in diciotto lingue e pubblicata dalle più importanti case editrici italiane.

Ad organizzare e promuovere il tour del Recital di Poesia e Musica che dà voce alle sue liriche è il C3 International, Associazione dei Calabresi nel Mondo, che riunisce 74.000 calabresi che vivono a Roma e che è presente nelle altre Città e Paesi del mondo che ospitano immigrati dalla Calabria.
L’evento ha raccolto il patrocinio della Regione Calabria, della Provincia e della Città di Cosenza, dell’Università della Calabria, e con la sponsorizzazione di Banca Intesa, della Fondazione Cassa di Risparmio di Calabria e Lucania, Banca Popolare del Mezzogiorno, in collaborazione dell’EISE e di Postonove.

Lo spettacolo è arrivato sul palco del Teatro Rendano, in via XV Marzo a Cosenza, nella formula già sperimentata e di grande successo, nella quale alle poesie, recitate da Walter Maestosi e Daniela Barra, si sono affiancate alle musiche del Maestro Giovanni Monti.
“La bellezza delle liriche di Corrado Calabrò, accompagnate dalle musiche composte ed eseguite da Giovanni Monti, – spiega il Presidente dell’associazione dei Calabresi del Mondo, On. Dr. Peppino Accroglianò – ha il potere, proprio dell’arte, di elevare le anime e aprire la mente a nuove speranze e, in questo momento di crisi, tutto ciò è quanto mai importante”.

“Corrado Calabrò – prosegue l’On. Accroglianò – è uno tra i figli più illustri della Calabria. Un grande poeta e giurista, che sa fondere le qualità della nostra Regione, insieme ricca di bellezza e di rigore”.

L’attuale Presidente dell’Autorità per le Garanzie delle Comunicazioni vanta, nel suo curriculum vitae, un doppia carriera, due vocazioni apparentemente inconciliabili, entrambe condotte fino ai massimi livelli. Calabrò aveva solo 18 anni quando cominciò a scrivere il suo primo romanzo e fino ad ora ha pubblicato svariati libri di poesie e il romanzo “Ricorda di dimenticarla”, da cui è stato tratto il libro “Il mercante di Pietre”.
Per il suo impegno letterario ha ricevuto importanti riconoscimenti internazionali, tra i quali due lauree honoris causa. Parimenti eccellenti i risultati raggiunti in campo giuridico, a partire dalla sua carriera in Magistratura nella Corte dei Conti e nel Consiglio di Stato, fino all’incarico attuale alla presidenza dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

Professionisti eccellenti anche gli interpreti, che sono saliti sul palco del Rendano, per dare voce ad un Recital che vuole sottolineare l’importanza della poesia di Corrado Calabrò e che vuole essere un momento importante nella vita culturale della città di Cosenza. A partire da Walter Maestosi, attore di grande esperienza in teatro, al cinema e in televisione. La voce femminile è stata affidata a Daniela Barra, attrice, cantante e doppiatrice, definita da molti poeti moderni, la “voce” della poesia. La musica è stata sapientemente eseguita dal Maestro Giovanni Monti, pianista, compositore e direttore di coro che nel Recital propone musiche da lui composte.

Sono intervenuti alla manifestazione il Rettore dell’Università della Calabria, Prof. Giovanni Latorre, il Sindaco di Cosenza, Avv. Salvatore Perugini, il Dr. Raffaele Gallucci, già prefetto di Cosenza e di altre importanti città italiane, Dr. Antonio Madeo, Magistrato già Presidente del Tribunale di Cosenza, il Dr. Melchiorre Fallica Prefetto di Cosenza,, il Dr. Bonifati, costruttore ed imprenditore, il Dr. Gennaro Smurra, Presidente Simet Spa.

Durante la serata sono stati premiati, dal Presidente del C3 International, On. Accroglianò, e dal Prof Corrado Calabrò, il Presidente della Provincia, Mario Oliverio, e il Sindaco di Cosenza, Avvocato Salvatore Perugini, a dimostrazione di assoluta riconoscenza per tutto l’impegno che hanno dimostrato, nell’amministrazione di due realtà importanti e fondamentali, nella vita della Nostra Calabria, quali sono la Provincia e il Comune, promuovendone lo sviluppo ed esaltandone i lati storici ed attività culturali che le pongono ai primi posti tra le Regioni del Sud Italia, e per quanto fatto per la riuscita di questa manifestazione.

E’ stato, inoltre, consegnato un premio speciale, all’orafo di fama internazionale Gerardo Sacco, a riprova della stima dimostrata dal C3 International, come riconoscimento per una splendida carriera iniziata 40 anni fa e tutt’ora in piena crescita e maturazione artistica.
Il premio è stato donato dalla Presidenza del Consiglio al C3 International come dimostrazione di apprezzamento per l’attività svolta dall’Associazione nella divulgazione della cultura Calabrese, mantenendo vivo lo spirito di una Regione capace di emergere in ogni campo.

La serata è stata condotta da Giusi Flotta.




Commenta