“T’amo di due amori”, un poeta e il sogno della sua poesia Verona

Home  »  Gli eventi  »  “T’amo di due amori”, un poeta e il sogno della sua poesia
Gen 12, 2011 Nessun commento ›› admin

Il successo era preannunciato, ma le previsioni sono state superate. Entusiasta il pubblico e felici gli organizzatori per l’evento che lo scorso 12 Gennaio è stato ospitato dal Teatro Camploy di Verona: l’atteso recital tratto dalle opere del poeta Corrado Calabrò intitolato “T’amo di due amori”. Autorità della Città e della Regione e tanti calabresi residenti a Verona hanno assistito alla replica dello spettacolo da tempo in tournèe in Italia e all’estero per la gioia degli amanti della poesia e dei nostalgici della Calabria, che nei versi scritti dal Presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ritrovano la trasfigurazione artistica della loro terra d’origine.

L’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Verona Vittorio Di Dio

La fama di Corrado Calabrò poeta ha varcato i confini di tutti i continenti e le sue poesie parlano un linguaggio che va oltre lo spazio e il tempo, ma sono i calabresi i fan più tenaci del poeta magistrato. Tanti calabresi in Veneto hanno realizzato le proprie aspirazioni personali e contribuito alla crescita sociale ed economica di tutto il territorio. In Veneto, e a Verona in particolare, vivono tantissimi cittadini con origini nella Regione dell’antica Magna Grecia, ed ecco che il teatro Camploy non è riuscito a contenere tutto il pubblico attratto dall’evento. Un pubblico qualificatissimo. C’erano tra gli altri il Prefetto di Verona, la Dott.ssa Perla Stancari; il Generale di Divisione e Comandante del Comando Regionale della Guardia di Finanza del Veneto, il Prof. Gen. Walter Cretella; il Comandante Provinciale dell’Arma dei Carabinieri, il Col. Paolo Edera; il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, il Col. Bruno Biagi; il Dirigente Superiore della Polizia di Stato e Questore di Verona, il Cav. Dott. Vincenzo Stingone; il Comandante dei Vigili del Fuoco, l’Ing. Mario Sarno; il Colonnello dei Carabinieri Talarico; il Presidente dell’A.M.I.A. , Azienda Multiservizi Di Igiene Ambientale di Verona, il Dott. Stefano Legramandi; gli Amministratori Delegati delle Acciaiaerie Valbruna, Massimo e Maurizio Amenduni; l’Amministratore Delegato della Pasqualini S.p.A., il Dott. Stanislao Smurra; il Dirigente della Simet, il Dott. Antonello Lauria; il Presidente dell’Associazione dei Calabresi nel mondo della Regione Veneto, il Dott. Luigi Chimento, nonché il secondo pronipote di Dante Alighieri, Pieralvise di Serego Alighieri. E c’erano i rappresentanti del Comune di Verona, che ha contribuito all’organizzazione dell’evento, patrocinato dallo stesso e dalla Regione del Veneto, primo fra tutti l’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Verona, il Dott. Vittorio di Dio. In rappresentanza del Comune di Verona hanno presenziato anche l’Assessore alla Cultura, la Dott.ssa Erminia Perbellini e il Dott. Alessandro Montagna, Assessore all’Edilizia Privata. Per l’occasione hanno raggiunto Verona l’On. Dott. Giuseppe Chiaravalloti, già Presidente della Giunta Regionale della Calabria e attuale Vicepresidente dell’Authority dei dati personali; il Presidente del C3 International, che ha organizzato lo spettacolo, l’On. Dott. Peppino Accroglianò e lo stesso autore protagonista, il Presidente dell’Agcom, il Prof. Corrado Calabrò. L’evento è stato sponsorizzato dalla Banca Barclays, dalle Acciaierie Valbruna e dalla Pasqualini.

A fine spettacolo applausi a non finire per i versi di Calabrò, ma anche per le interpretazioni degli attori Walter Maestosi e Daniela Barra e le musiche originali del Maestro Giovanni Monti, anche lui sul palco con il suo pianoforte. La presentazione era affidata alla bella attrice Monica Vallerini. Dopo le poesie ancora qualche minuto a teatro per un significativo scambio di doni. L’On. Accroglianò ha consegnato una medaglia d’oro ricordo del C3 International all’Assessore Vittorio Di Dio, il quale ha ricambiato il gesto donando al prof. Calabrò e allo stesso Accroglianò una pubblicazione sulla città di Verona e un gagliardetto dei Veronesi nel mondo.

Le collaboratrici del C3 International: Marta, Ilaria e Lara

Dopo lo spettacolo gran parte del pubblico ha partecipato anche all’apprezzatissima cena a base di pesce preparata dal Ristorante Maria Callas, uno dei più prestigiosi di Verona, a due passi dall’Arena e da Piazza Bra. La festa è proseguita fino alle 2 di notte ed è stata allietata da Daniela Barra che, tolti gli abiti di raffinata interprete di poesie, ha vestito quelli, altrettanto calzanti, di cantante di stornelli romani.

Gli organizzatori della serata , Peppino Accroglianò e l’Assessore Vittorio di Dio, hanno ricevuto apprezzamenti dai partecipanti per l’ottimo lavoro, che ha permesso a tutti di godersi a pieno un appuntamento di alta cultura e di elegante intrattenimento. Tale l’eco del successo della serata che il C3International ha già ricevuto numerose richieste per nuove repliche dello spettacolo in altre città. Già fissato l’appuntamento a Montecarlo per il prossimo 17 febbraio. L’evento sarà organizzato dall’Associazione dei Calabresi nel Mondo in collaborazione con l’Ambasciata Italiana nel Principato di Monaco e con lo stesso Principe Alberto di Monaco e avrà il patrocinio del Ministero degli Esteri Italiano.




Commenta