XXII Premio Internazionale “La Calabria nel mondo”

Home  »  In Evidenza  »  XXII Premio Internazionale “La Calabria nel mondo”
Giu 25, 2013 Nessun commento ›› admin

SI E’ TENUTA MARTEDI’ 25 GIUGNO A ROMA IN CAMPIDOGLIO LA CERIMONIA PER LA XXII EDIZIONE DEL PREMIO INTERNAZIONALE “LA CALABRIA NEL MONDO”, ORGANIZZATO DAL C3INTERNATIONAL, ALLA PRESENZA DEL VICE-MINISTRO ANTONIO CATRICALA’,  DEL VICE-PRESIDENTE DEL SENATO MAURIZIO GASPARRI, DEL GOVERNATORE DELLA CALABRIA GIUSEPPE SCOPELLITI, DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE FRANCESCO TALARICO,  DELL’ASSESSORE AI TRAPORTI LUIGI FEDELE E DEL RESPONSABILE DELL’EMIGRAZIONE ALFONSINO GRILLO.

I CALABRESI DI CUI ANDARE FIERI

TRA I PREMIATI L’IMPRENDITORE FLORIANO NOTO, GUIDO WALTER LA TELLA, AMBASCIATORE D’ITALIA A BUENOS AIRES; IL VESCOVO DELLA DIOCESI DI OPPIDO MAMERTINA – PALMI MONS. FRANCO MILITO; CIRO CAMPANELLA, PRIMARIO DI CARDIO CHIRURGIA ALL’OSPEDALE SAN FILIPPO NERI E LA CANTANTE E ATTRICE ALMA MANERA. PREMI SPECIALI ALLA CARRIERA PER IL GIORNALISTA E IMPRENDITORE GIUSEPPE MARRA E PER L’ORAFO GERARDO SACCO

 

 

Martedì scorso la Sala della Protomoteca del Campidoglio a Roma si è trasformata in una sala da concerti e nel palco di un teatro. La speciale atmosfera, insolita per un luogo utilizzato generalmente per eventi istituzionali, l’ha fornita la XXII edizione del Premio Internazionale “La Calabria nel Mondo”.  La cerimonia, organizzata dall’Associazione Culturale dei Calabresi nel Mondo, presieduta da Peppino Accroglianò, è stata arricchita, infatti, da un concerto di pianoforte, violino e voce e da una performance teatrale. Si sono esibiti il Maestro Giovanni Monti al pianoforte con Federico Vozzella, violino solista e Raffaella Pelella, soprano lirico. L’esibizione musicale, coordinata da Giovanni Monti, compositore e direttore di coro con una vasta esperienza nella musica leggera come in quella classica, era suddivisa in tre parti, rispettivamente dedicate alla aree d’opera, alle canzoni napoletane e alle colonne sonore da film. La loro esibizione è stata intervallata da due monologhi magistralmente interpretati dalla una bravissima e ispirata attrice Annalisa Insardà, uno dei quali scritti di suo pugno e dedicato alla Calabria. Lo spettacolo di grande livello, il linea con l’attenzione per la cultura del C3International, ha ricevuto molti applausi e commenti positivi da parte del qualificato pubblico che ha affollato la sala. L’evento è stato introdotto dal saluto di alcuni importanti rappresentanti delle istituzioni che sostengono l’attività dell’Associazione, fondata da Peppino Accroglianò.

C’erano il Presidente della Regione Calabria Giuseppe Scopelliti e il Presidente del Consiglio Regionale della Calabria Francesco Talarico. A consegnare il premio è intervenuto il Vice Ministro allo sviluppo economico Antonio Catricalà, anch’egli calabrese e amico dell’associazione. Catricalà ha lodato l’impegno costante del C3International a favore della cultura e dei calabresi meritevoli, che individua e premia con continuità e scrupolo.

Il V. Presidente del Senato Maurizio Gasparri, dopo aver portato il suo cordiale saluto, ha consegnato, da parte dell’istituzione che rappresenta, un premio speciale per i 50 anni di carriera a Pippo Marra, proprietario e direttore della AdnKronos, la più importante agenzia di stampa privata in Italia.  “Pippo Marra – ha detto il senatore Gasparri –  ha saputo, non solo creare una realtà dell’informazione tra le più attente e le più qualificate, ma ha saputo anche  modernizzarla e proiettarla nella multimedialità, puntando nella formazione di tanti giornalisti giovani, di tante persone di grandissima professionalità”.

Un premio speciale è andato anche a Gerardo Sacco, il grande orafo calabrese di fama internazionale, le cui creazioni sono state indossate dalle donne più belle del mondo. Per Sacco, anzi, il premio è stato doppio. Per lui, oltre al riconoscimento da parte della Presidenza del Senato, è arrivato anche quello della Regione Calabria.

A rappresentare Roma l’ormai ex Sindaco Gianni Alemanno, che negli anni del suo mandato ha sempre lodato le iniziative del C3International. “Mi auguro – ha detto – che anche il Sindaco Marino continui la tradizione di accogliere in questa sala la premiazione perché c’è un motivo profondo che ci porta ad avere questo incontro nella sala della Protomoteca. La qualificazione di Roma come Capitale è anche merito della grande migrazione interna del Paese. Tutte le comunità, a cominciare da quella più numerosa dei calabresi, hanno contribuito a qualificare la nostra città”.

Dai rappresentati delle istituzioni calabresi, il Governatore Scopelliti e il Presidente Talarico, è arrivato il plauso per le iniziative dell’associazione che forniscono sempre ottimi spunti e contributi utili al bene della Regione.  Il C3International organizza spesso convegni o occasioni culturali per la promozione della Calabria. Di recente con il C3Young, la sezione giovani dell’associazione, ha per esempio organizzato un convegno dedicato alle start-up di imprese per incoraggiare le iniziative imprenditoriali. E poi ci sono le serate di poesia e musica con i versi del magistrato Corrado Calabrò, peraltro assente alla premiazione perché convalescente. Al grande poeta di fama internazionale, presidente dell’Agcom dal 2005 al 2012, la platea del Campidoglio ha dedicato un caloroso applauso. Per lui è partito un augurio di pronta guarigione e l’invito a riprendere al più presto il tour internazionale dello spettacolo “T’amo di due amori” tratto dalle sue opere.

A coordinare i vari interventi e a leggere le motivazioni per ciascun premiato ci ha pensato l’attrice Monica Vallerini, mentre lo stilista di Haute Couture Luigi Bruno ha vestito alcune modelle che hanno sfilato in sala.

A ricevere il premio sono stati 22 calabresi illustri provenienti dal mondo della scienza, delle istituzioni, dell’imprenditoria, dell’arte. Tra gli altri hanno ricevuto le riproduzione del Codex Purpureus Rossanensis il vescovo della diocesi di Oppido Mamertina Monsignor Franco Milito, l’ambasciatore d’Italia a Buenos Aires Guido Walter La Tella, il cui premio è stato ritirato dall’Onorevole Mario Borghese recentemente eletto in Sudamerica, e il direttore generale della Fao Josè Graziano Da Silva. Tra gli scienziati citiamo il Professor  Ciro Campanella, primario di cardiochirurgia al San Filippo Neri, tra i migliori cardiochirurghi al mondo e il Professor Nicola Leone, direttore del Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università della Calabria.

Tra gli artisti premiata la cantante e attrice Alma Manera e lo stilista Anton Giulio Grande.

Terminata la cerimonia alla Protomoteca la festa è proseguita con la serata nei giardini dello spettacolare Palazzo Brancaccio. Dopo un ricco e saporito buffet a base di prodotti tipici calabresi, culminato con i dolci, i gelati offerti dal Commendatore Callipo,  gli amari di Caffo, e le liquirizie di Amarelli.  C’è stata una nuova esibizione artistica con il quartetto d’archi Forfour, guidato da Simona Bruno. Ma i festeggiamenti sono proseguiti ancora a lungo, soprattutto per i giovani del C3Young, ai quali è stato destinato  un apposito spazio del Palazzo dedicato al ballo con l’animazione di Franco Allevato e il suo “Brivido del night”.

“Per ogni edizione del premio pensiamo a qualcosa di diverso – ha spiegato Peppino Accroglianò – stavolta abbiamo voluto dare ancora più spazio all’arte e alla cultura e, a fine serata, al ballo. Così l’evento si è trasformato, anche, in un importante momento di socializzazione e divertimento per gli associati di tutte le età”. In pista fino a tardi i più attivi componenti del C3Young come Emanuele e Daniele Smurra, Valentina Manna, Fortunato Amarelli, Annalisa Bianco e Luana Pangallo.

 

 

Il discorso dell’On. Peppino Accroglianò

A Roma, dove vivono 500mila calabresi, ogni anno si tiene la cerimonia per il premio internazionale “La Calabria nel Mondo”, un riconoscimento, ideato da Peppino Accroglianò con l’associazione da lui fondata, il C3International, che viene conferito ai calabresi illustri che hanno contribuito a diffondere con il proprio esempio un’immagine positiva della Calabria. Pochi giorni fa si è tenuta la festa per la XXII edizione del premio, durante la quale sono state consegnate 22 targhe ad altrettanti calabresi meritevoli, più due premi speciali per i cinquant’anni di attività a Pippo Marra, presidente e direttore di AdnKronos e Gerardo Sacco, maestro orafo di fama internazionale.
La premiazione si è tenuta presso la sala Protomoteca del Campidoglio alla presenza del Governatore e del Presidente del Consiglio Regionale della Calabria, Giuseppe Scopelliti e Francesco Talarico. A consegnare i premi c’erano, inoltre, il vice Ministro dello Sviluppo Economico Antonio Catricalà e il Vice Presidente del Senato della Repubblica Maurizio Gasparri. La cerimonia di consegna delle riproduzioni in argento del Codex Purpureus Rossanensis, un prezioso manoscritto conservato nel museo diocesano di Rossano, si è svolta dopo un evento musicale diretto dal maestro Giovanni Monti e due letture teatrali interpretate dall’attrice calabrese Annalisa Insardà.
Il prestigioso riconoscimento è andato a ventidue donne e uomini calabresi che si sono distinti nei loro rispettivi ambiti di lavoro. Premiati scienziati, magistrati, uomini delle istituzioni, giornalisti, architetti, imprenditori, personalità del mondo della cultura e dello spettacolo e anche un uomo di religione, il vescovo della diocesi di Oppido Mamertina – Palmi.
Tra gli uomini di scienza premiati ci sono il primario di Cardiochirurgia dell’Ospedale San Filippo Neri di Roma, il professor Ciro Campanella e il dottor Filippo Crea, direttore del Dipartimento Scienze Cardiovascolari del Policlinico Gemelli di Roma. Campanella è un cardiochirurgo di fama internazionale che ha lavorato nelle più importanti strutture ospedaliere inglesi e americane, a fianco dei migliori come Christian Barnard, autore del primo trapianto cardiaco della storia della medicina. Filippo Crea, è uno dei cardiologi più famosi a livello internazionale. Dopo l’apprendistato e l’avvio di carriera all’estero nel 1991 è stato chiamato all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma dove è Professore Ordinario di Cardiologia, Direttore dell’Istituto di Cardiologia e Direttore della Scuola di Specializzazione in Cardiologia.
Con il dottor Francesco Amato, direttore del dipartimento di emergenza dell’ospedale di Cosenza, rimaniamo in ambito medico. Amato è autore del primo manuale di accreditamento dei Centri di Terapia del Dolore e referente regionale per il progetto “Ospedale Senza Dolore” .
Si occupano di scienza altri due illustri premiati. Il dottor Pier Stefano Corasaniti rappresenta una eccellenza nel panorama dell’astrofisica. E’ ricercatore del Centre National de la Recherche Scientifique presso l’osservatorio astronomico di Parigi. Scienziato di straordinario talento è conosciuto per le sue ricerche pionieristiche sull’Energia Oscura. Il professor Nicola Leone dirige il Dipartimento di matematica e informatica dell’università della Calabria. Nel 2011 è stato incluso nella classifica dei migliori scienziati italiani della Via Academy.
Chi meglio di un ambasciatore per rappresentare nel mondo il meglio della Calabria. Tra i premiati, infatti, c’era anche l’ambasciatore d’Italia a Buenos Aires. Il dottor Guido Walter La Tella, nato a Reggio Calabria, ha intrapreso giovanissimo la carriera diplomatica che lo ha portato a rappresentare l’Italia in Argentina dal 2009.
Ascendenze calabresi anche per il direttore generale della FAO, il dottor Josè Graziano Da Silva, che ha contribuito a stimolare l’innovazione del sistema agroalimentare nei paesi della FAO.
Provengono dai vertici delle istituzioni italiane un altro gruppo di premiati. Partiamo dalla dottor Domenico Chindemi, magistrato della Corte di Cassazione, premiato per la sua particolare competenza in materia civilistica. È autore di circa duecento pubblicazioni e di alcune pregevoli monografie che testimoniano la sua particolare competenza ed esperienza in materia civile e tributaria. Citiamo poi la dottor Vincenzo Caridi, direttore formazione e sviluppo o competenze dell’INPS, l’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale; il dottor Giuseppe Manica, dirigente dell’Area Promozione Culturale del Ministero degli Affari Esteri, conferenziere infaticabile nell’attività di promozione della cultura italiana all’estero; il dottor Mario Antonio Scino, dell’avvocatura generale dello Stato, che vanta importanti incarichi al servizio di numerosi esponenti di governo e la dottoressa Giuseppina Volucello, responsabile dei rapporti con il Parlamento presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Dal mondo dell’imprenditoria privata proviene una piccola squadra di brillanti manager che mostrano la spiccata predisposizione dei calabresi alle attività di impresa. Il dottor Fabrizio Capua è un giovane e brillante manager che ha saputo coniugare la tradizione imprenditoriale della sua famiglia o le sue qualità professionali, guidando la SOCIB spa, società per l’imbottigliamento delle bevande. Il dottor Carmelo Gullo ha fondato la Restart – Restauri Artistici, azienda che si distingue per la continua ricerca di raffinatezza e design nel settore degli elettrodomestici. Tra gli imprenditori dalle spiccate qualità manageriali c’è Patrizia Mirigliani, la figlia di Enzo Mirigliani, l’ideatore del concorso Miss Italia, che anno dopo anno, difende e rinnova una delle manifestazioni più importanti del Paese, con la missione di non deludere le ragazze che hanno voglia di mettersi in gioco. Un premio per le qualità imprenditoriali eccezionali anche per Floriano Noto, organizzatore e pianificatore instancabile. Ha fondato con i fratelli il marchio Sidis della grande distribuzione alimentare, che oggi rappresenta la prima azienda calabrese. E’ fondatore anche della Sicos sas, società di consulenza e servizi e della Fondazione “Maria Garibaldi Noto” per la promozione della ricerca scientifica. Lavora in proprio da 1996 anche l’architetto Sergio Fabio Rotella, anno in cui ha fondato lo “Studio Rotella”, che si occupa di architettura, design e consulenze per aziende. Carriera di prestigio condotta all’interno di alcune delle più importanti aziende italiane e internazionali per il dottor Luigi Valente, attuale direttore generale TotalGaz.
Viene preso ad esempio per impegno, passione, capacità e fantasia. E’ il giovane stilista Anton Giulio Grande, che ha ricevuto il premio quale originale e innovativo protagonista della moda italiana. Tra i calabresi da prendere ad esempio è stata scelta anche la cantante, attrice e ballerina Alma Manera, definita dalla critica internazionale “la voce di gomma” per la grande versatilità, capace di interpretare sia un repertorio lirico che uno pop. Alma Manera è anche protagonista degli spettacoli “T’amo di due amori”, performance teatrali ispirate alle poesie del magistrato poeta Corrado Calabrò, presidente onorario del Consiglio di Stato e grande amico del C3International, assente alla premiazione per ragioni salute, a cui è stato tributato un grande applauso.
Per la sua professionalità e competenza è stato premiato il giornalista, responsabile delle relazioni esterne e comunicazione Unical di Cosenza il dottor Francesco Kostner, autore anche di numerosi libri di storia come “La lunga ombra di Yalta” scritto con Gianni De Michelis e “Con Saragat al Quirinale” in collaborazione con Costantino Belluscio.
Concludiamo l’elenco dei premiati con Monsignor Franco Milito, vescovo o della diocesi di Oppido Mamertina – Palmi. Oltre che per i suoi incarichi pastorali Monsignor Milito è stato premiato in qualità di autore di numerose pubblicazioni, tra saggi ed articoli, riguardanti la storia ecclesiastica e culturale calabrese.
Alle 22 personalità che hanno ricevuto il premio internazionale La Calabria nel mondo si aggiungono due premi per i cinquanta anni di carriera. La presidenza del Senato ha premiato l’editore di Adnkronos Giuseppe Marra, per il suo lavoro nella testata giornalistica che ha avuto la capacità, nel corso dei decenni, di crescere ed imporsi innovando il modo di fare informazione e il linguaggio, senza snaturare le proprie radici e senza mai rinunciare alla propria indipendenza. Per il maestro orafo Gerardo Sacco i premi alla carriera sono stati addirittura due. Uno da parte della Presidenza del Senato l’altro da parte della Regione Calabria. “Il premio – si legge nella motivazione – sintetizza il riconoscimento corale e la gratitudine che tutti i calabresi esprimono a Gerardo Sacco per ciò che ha fatto e per quanto ancora certamente saprà realizzare, sulla scia di una vicenda umana e professionale, che richiama i valori più alti e i sentimenti più positivi della vita”.
Il governatore della Calabria Giuseppe Scopelliti ha voluto esprimere il suo plauso agli illustri concittadini premiati e anche all’associazione C3International, che tanto si impegna per la promozione della Calabria. Alla cerimonia sono intervenuti tantissimi giovani ai quali si rivolge l’associazione organizzando questo premio. I riconoscimenti, infatti, vanno dal merito delle persone, ma sono conferiti proprio per fornire un esempio e un incoraggiamento alle nuove generazioni. L’associazione C3Internationa ha, non a caso, istituito una sezione dedicata ai giovani, il C3Young, attiva nell’organizzazione di eventi concreti per aiutare i nuovi calabresi a costruire il proprio futuro e quello della loro Regione.

Accroglianò, Gasparri e il gruppo C3 young

Accroglianò, Gasparri e il gruppo C3 young

Catricalà, Accroglianò e Gerarrdo Sacco tra le modelle

Catricalà, Accroglianò e Gerarrdo Sacco tra le modelle

Accroglianò, Gasparri e il gruppo C3 young

Accroglianò, Gasparri e il gruppo C3 young

Peppino Accroglianò consegna il Premio

Un momento della consegna dei premi

Peppino Accrogliano e a destra Annalisa Insardà

Peppino Accrogliano e a destra Annalisa Insardà




Commenta