La scomparsa dello scrittore Saverio Strati

Home  »  Gli eventi  »  La scomparsa dello scrittore Saverio Strati
Apr 14, 2014 Nessun commento ›› admin

ADDIO ALLO “SCRITTORE-CONTADINO”

Se n’è  andato in silenzio, pressoché dimenticato da tutti e con migliaia di pagine inedite: lo scrittore calabrese Saverio Strati (S. Agata del Bianco 16/8/1924) è morto nei giorni scorsi a Scandicci, vicino Firenze, nell’eremo, dove aveva scelto di vivere con la moglie svizzera Hildegard. Scrittore-contadino o meglio scrittore di vita contadina, aveva esaltato e narrato della Calabria i suoi aspetti più drammatici e tragici. “Una terra che è stata il riferimento ininterrotto delle mie riflessioni e dei miei scritti” – aveva sottolineato nel 2010 ricevendo la laurea honoris causa dall’Università della Calabria. Tra le sue opere, da ricordare “La Teda” – il primo romanzo pubblicato da Mondadori su segnalazione di Giacomo De Benedetti nel 1957 – “Tibi e Tascia” (Premio Vaillon 1960), “Noi lazzaroni” e “Il selvaggio di Santa Venere” (Premio Supercampiello 1977).

Saverio_Strati

 




Commenta