Il calabrese Mauricio Macri nuovo Presidente dell’Argentina

Home  »  Gli eventi  »  Il calabrese Mauricio Macri nuovo Presidente dell’Argentina
Nov 23, 2015 Nessun commento ›› admin

Grande soddisfazione tra gli amici del C3 international e i calabresi tutti per l’elezione a Presidente della Repubblica Argentina del conterraneo Mauricio Macri. Già governatore e sindaco di Buenos Aires, il Presidente Macri – che è stato insignito lo scorso anno del Premio Internazionale “La Calabria nel Mondo” – vede premiata la sua determinazione, la grande preparazione e la passione politica.

Macri e papa Francesco

Il Presidente del C3 International, on. Peppino Accroglianò, ha voluto esprimere e confermare la grande stima verso un protagonista della società argentina degli ultimi vent’anni che saprà, con orgoglio e grande senso dello Stato, riportare il paese verso nuove linee di crescita e di sviluppo. “Abbiamo convintamente sostenuto la sua candidatura sollecitando l’impegno di tutte le associazioni dei calabresi d’Argentina e attivando – anche attraverso l’on. Mario Borghese – un’opera di sensibilizzazione verso un degno figlio della nostra Calabria. Io, particolarmente, sono molto legato all’Argentina – dove sono stato una decina di volte – e ai tantissimi calabresi che là vivono: ai tempi della mia esperienza consiliare in Calabria la Regione donò all’associazione calabrese di Buenos Aires la sede che ha valorizzato e ancora oggi chiama a raccolta le tante realtà di origine calabrese del territorio argentino. Anche col prof. Giuseppe Nappi e la fondazione Cirna abbiamo in più occasioni – da calabresi – aiutato la popolazione argentina in campo medico e sanitario”.
Maurizio Macri – ingegnere di 55 anni, il cui padre partì da Siderno per Roma, prima di approdare in Argentina dove ha fatto fortuna – comincia ad essere popolare in Argentina nel 1995 diventando Presidente del Club Atletico Boca Junior, una delle squadre di calcio più amate del Paese. Dal 2007 è stato a capo della città di Buenos Aires, dov’è stato rieletto nel 2011 con un ampio consenso (oltre il 64% dei voti). Con la bella moglie Juliana alla Casa Rosada, Macri pone fine all’era peronista di Nestor e Cristina Kirchner, iniziata nel 2003 e caratterizzata da una durissima crisi economica, e si avvia attraverso un programma di riforme a rilanciare il Paese e ridare agli argentini un nuovo modello di sviluppo e di prosperità. “È un cambio d’epoca – ha detto il neo presidente subito dopo la conferma della vittoria elettorale – adesso dobbiamo pensare al futuro”.




Commenta